DANZA BIMBI

Danza Classica e Moderna

LA SCELTA DI DANZARE

Il socio-antropologo Pierre Bourdieu definiva il processo primario del conoscere “conoscenza attraverso il corpo”, cioè una pratica agita che procede mediante un processo di “incorporazione”. 

La riflessione sul coinvolgimento del corpo nell’apprendimento, ora più che mai, trova nuovo senso e rinnovata importanza.  

I bambini, soprattutto, esplorano il mondo attraverso tutto il corpo che struttura un pensiero abile a interpretare e gestire la realtà circostante.

In questo tempo che alla virtualità ha delegato gran parte delle esperienze, è indispensabile riscoprire il valore della persona, intesa come insieme corpo-mente, perché lo sviluppo psicomotorio dei bimbi prosegua in modo sano verso quella consapevolezza di sé che li rende più sicuri del proprio procedere nel mondo.

La danza, come arte del movimento libero da obiettivi prestazionali esterni e prefissati, offre una dimensione privilegiata per il recupero dell’esperienza corporea nella sua ricca globalità, uno spazio per accogliere differenze e originalità con cura e fantasia.

DANZA PER L’INFANZIA 3-5 anni

Le lezioni, pensate per i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia, propongono attività specifiche per questa fase cognitivo-motoria, mirando al coinvolgimento attivo e propositivo dei piccoli allievi per dare spazio alla personalità di ciascuno.

A partire dagli schemi motori di base, seguendo una progressione didattica adeguata, i bimbi saranno guidati nell’esplorazione dei principi fondamentali del movimento – peso, forme, azioni, percorsi e livelli spaziali, suono, tempo, ritmo, dinamica – perché acquisiscano gli strumenti per facilitare il pensiero simbolico, affinare lo sguardo critico e  liberare fantasia e creatività in modo più consapevole, senza limitarsi a una spontaneità incontrollata o all’imitazione passiva di tecniche e stili predefiniti.

OPEN CLASS lezione di prova gratuita da Giovedì 16 Settembre e Martedì 21 Settembre 2021 dalle ore 17 alle 18

Per partecipare è necessaria la prenotazione a: segreteria@leggerestrutture.it

PROPEDEUTICA (ALLA DANZA CLASSICA)  6-10 anni

Ascolto, concentrazione, controllo, precisione e consapevolezza corporea sono alla base della presenza, del movimento e dello stare, non solo nella danza ma nelle arti performative in genere.

Per questo lo studio della danza classica fornisce una formazione tecnica di base funzionale anche ad altre discipline e pratiche artistiche.

In accordo con i programmi delle Accademie di Danza, il corso di danza classica propone lo studio della propedeutica per tutto il ciclo della scuola primaria.

Le lezioni di propedeutica mirano proprio a una formazione globale che, integrando diverse pratiche e conoscenze, tradizionali e innovative (yoga, Laban-Bartenieff, anatomia esperienziale, Progressing Ballet Technique), facilitino l’allievo nell’acquisizione consapevole delle tecniche e degli stili senza un’imposizione prematura o inappropriata.

– Corretta organizzazione posturale nelle posizioni;

– attivazione consapevole e funzionale della muscolatura;

– propriocezione, visualizzazione e ascolto corporeo;

– coordinazione nel lavoro sincronico e simmetrico delle diverse parti del corpo, precisione gestuale;

– memoria, musicalità, gestione dello spazio relazionale;

– abitudine alla pratica corporea e alla ricerca del benessere.

Il corso punta al raggiungimento di questi obiettivi mettendo sempre al centro l’aspetto ludico-creativo che preservi la danza intesa come arte e sostenga il desiderio e il piacere di danzare, soprattutto per una tecnica complessa come quella classica, nella convinzione che rigore e disciplina siano gli esiti e non i mezzi di un lavoro gioioso e appassionato.

OPEN CLASS lezione di prova gratuita da Giovedì 16 Settembre e Martedì 21 Settembre 2021 dalle ore 18 alle 19

Per partecipare è necessaria la prenotazione a: segreteria@leggerestrutture.it

Ondina Cassotta

Danzatrice, DanzeducatriceⓇ, Maestra di danza (6°livello EQF), studiosa di arti performative in ambito sociale e comunitario, inizia da bambina lo studio della danza e del pianoforte. Consegue, con lode, la Laurea Magistrale in Semiotica del Teatro al Dams di Bologna e ottiene una borsa di studio per frequentare a Milano un Master di primo livello in comunicazione giornalistica e multimediale. A Bologna prosegue lo studio della danza classica con Maria Alessandra Marzi e Claudio Dello Iacono, ballerini del Teatro Comunale di Bologna e della compagnia di Carla Fracci.
Dal 2002 unisce la passione per la musica e la danza dedicandosi allo studio del baile flamenco, che approfondisce in Spagna presso le più importanti Accademie di Siviglia, Madrid e Jerez de la Frontera.
Dal 2005 danza in gruppo e come solista prendendo parte a festival, rassegne, eventi artistici e culturali, in diverse città italiane. Nel 2012 è ammessa al corso per DanzeducatoreⓇ diretto da Franca Zagatti, presso il centro Mousikè di Bologna, col quale collabora fino al 2017, conducendo laboratori di danza educativa nella scuola pubblica e insegnando danza creativa, propedeutica e classica. Nel 2015 completa l’Alta Formazione in Teatro per la Comunità e l’Inclusione Sociale, presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Bologna, grazie al quale ha la possibilità di conoscere direttamente diverse esperienze di teatro per il sociale, come quelle della Compagnia della Fortezza di Armando Punzo nel carcere di Volterra, del Teatro partecipato di Mimmo Sorrentino, del Teatro dell’Argine e della Città del
Teatro di Cascina. Nel 2017 ancora presso il centro Mousikè, consegue il 2° livello di formazione avanzata in Danza Educativa e di Comunità, ideato da Franca Zagatti per l’approfondimento di visioni originali di artisti e pedagoghi del movimento.
Negli anni matura l’interesse per la danza contemporanea, l’anatomia esperienziale e il movimento somatico che approfondisce seguendo laboratori, corsi e stage con studiosi, danzatori e coreografi internazionali. Dal 2016 a oggi frequenta i seminari condotti da Soahanta de Oliveira (Conservatoire National Superieur de Musique et Danse de Paris) di Analisi Funzionale del Corpo nel Movimento Danzato – AFCMD, una pratica nata in Francia che applica le tecniche di educazione somatica allo
studio della danza classica. Nel 2018 è ammessa al corso per la qualifica di Maestro di Danza, (titolo valido a livello nazionale ed europeo – 6° livello EQF) promosso dalla Regione Emilia Romagna per valorizzare e garantire la professionalità dell’insegnante di danza, attraverso un curricolo che coniuga gli aspetti dell’arte coreutica, delle scienze motorie e della pedagogia.
Conseguito il titolo di Maestro di Danza, prosegue la formazione in Scrittura Coreografica diretta da Emanuela Tagliavia, docente del Teatro alla Scala di Milano, incontrando, tra gli altri, coreografi quali Laura Moro, Mattia Russo e Antonio de Rosa. Nell’ambito del corso per Maestro di danza conosce Rita Valbonesi con la quale continua a formarsi assiduamente presso l’Ida (International Dance Association) completando nel 2020 i percorsi per insegnante di yoga per bambini e di anatomia esperienziale in movimento per adulti e bambini. Da gennaio 2021 è inoltre insegnante certificato PBT (Progressing Ballet Technique) un programma innovativo per migliorare la tecnica classica, basato sull’allenamento della memoria muscolare per aiutare nella prevenzione degli infortuni e nella riabilitazione e per questo apprezzato anche in ambito sportivo da allenatori e fisioterapisti. A giugno del 2021 intraprende a Roma la formazione, condotta da Karen Studd, Laura Cox e Lorella Rapisarda in LBMS (Laban/Bartenieff Movement System) riconosciuta dalle istituzioni internazionali che formano gli Analisti del Movimento Laban/Bartenieff. Dal 2017 è presidente dell’associazione NACRE che si occupa della ricerca, promozione e diffusione di un pensiero artistico che è anche un’etica in movimento tra le persone, per la qualità del presente. Insegna danza creativa, propedeutica e classica in scuole di danza e associazioni sportive, conduce laboratori di danza e teatro nelle scuole pubbliche e in diversi contesti sociali.
Dopo anni di formazione tecnica, ricerca un’idea della danza, anche classica, lontana dal concetto di disciplina elitaria ed esclusiva, perseguendo la visione di un’arte del movimento che, al pari delle altre, sia un diritto e una possibilità espressiva per tutti, senza distinzioni preconcette di età, di genere o di condizioni individuali psico-fisiche e sociali.
Per questo le sue lezioni fondono formazione tecnica consapevole e ricerca di autonomia creativa, benessere psico-fisico e leggerezza.

Per maggiori informazioni

segreteria@leggerestrutture.it
051.0951158/59